fbpx

PENELOPE STORY LAB
Scuola di scrittura

Precedente
Successivo

Corso di autobiografia erotica II con Rossana Campo

Il 24 settembre arriva finalmente in libreria il manuale di scrittura di Rossana Campo, Scrivere è amare di nuovo (Giulio Perrone ed.).
Quale modo migliore per festeggiare l’uscita che partecipare al suo corso di autobiografia erotica, II livello?

La classe, ovviamente aperta a chiunque abbia svolto il livello I, è comunque a disposizione anche di nuove persone interessate. Il corso si svolgerà ogni giovedì per dieci incontri, dalle 18.30 alle 20.30, fino al 26 novembre.

Per info e iscrizioni, oltreché per avere la brochure della scuola di scrittura Penelope Story Lab in formato pdf, è sufficiente scrivere a corsinottola@gmail.com

Ecco la presentazione da parte di Rossana:

Sono i sensi la fonte più ricca della scrittura, dice Anaïs Nin. Gli strumenti di uno scrittore non sono l’inchiostro e la carta ma il suo corpo, la sensibilità dei suoi occhi, delle sue orecchie e del suo cuore. Se sono atrofizzati non deve più scrivere.

Così afferma la scrittrice che per centinaia, migliaia di pagine dei suoi Diari e raccolte di racconti ha dato voce e investigato i desideri più liberi, sinceri e scandalosi, raccontando delle molte sfaccettature del desiderio femminile. Ed è proprio uno dei suoi titoli, Il delta di Venere, che prendiamo in prestito per i nostri nuovi laboratori di scrittura autobiografica dedicati all’esplorazione dell’erotismo.

Forse, uno dei disagi più grandi è non aver avuto parole per raccontare i nostri desideri. L’aver esitato a parlare, anche a noi stesse, e l’aver accumulato pensieri muti dentro di noi. Le parole sono un nostro diritto, e dare voce a quello che abbiamo sentito e sentiamo rispetto al sesso può essere liberatorio, può portarci a fare pace con tutto ciò che siamo, con le nostre passioni, e i nostri imperfetti slanci di desiderio. Ognuno ha il diritto di dire la verità su quello che è ed è stato. Possiamo imparare a trovare in noi parole che esplorano, riscoprono, a volte ricostruiscono e risarciscono le nostre esperienze legate alla conoscenza del nostro corpo, del desiderio e all’esplorazione dei piaceri. Possiamo dare forma alle scoperte e ai turbamenti. La nostra vita erotica a volte ci ha reso ardite, altre confuse e maldestre, ma è anche vero che il sesso spesso ha saputo connetterci con la grazia, l’allegria e la gioia di vivere. Forse avremmo avuto bisogno in passato di dire e ascoltare le parole giuste legate al piacere, e all’accettazione di qualcosa che abbiamo temuto, o che ci faceva sentire fuori controllo. Forse, qualcuno un giorno ci ha messo in testa idee e parole sbagliate per definirci e per darci un nome che ci limitava. Noi abbiamo bisogno di sentire che anche se i nostri piaceri sono complicati, differenti, e non rientrano in quello che ci hanno spiegato essere la normalità, possiamo comunque amarci e rispettarci in ogni nostro aspetto, possiamo vivere e dare parole al nostro futuro. Siamo proprietarie di un tesoro nascosto tra le pieghe dei nostri silenzi, delle abitudini e dei timori. In questi laboratori proviamo a riportare alla luce tutti i battiti del nostro cuore, tutti i desideri dei nostri corpi.

INFORMATIVA
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy (clicca qui), oppure clicca su “ACCETTA” per proseguire la navigazione.